Il confronto tra malte ed intonaci storici


Esistono diversi sistemi per il confronto analitico di malte storiche. Il più completo è sicuramente l’analisi chimico-morfologica, uno strumento utile che va ad integrare le informazioni ottenute tramite rilievi archeologici o mappature eseguite su murature antiche.

E’ stato costruito nello stesso periodo?


Il caso che riportiamo è quello di Palazzo Giustiniani, edificio storico di Padova adiacente all’Odeo Cornaro. Il restauro degli ambienti interni prevedeva una accurata indagine, in particolare per appurare la contemporaneità costruttiva di due segmenti di muratura. Oltre ai rilievi di tipo archeologico, lo studio è stato affrontato analizzando le malte di allettamento, gli intonaci di finitura ed i lacerti di decorazione pittorica presenti su entrambe le pareti. Quali dati scientifici posso utilizzare per determinare se due pareti sono state costruite nello stesso momento storico?

Metodi di analisi


Nel caso specifico, le malte di allettamento sono state analizzate con tecnica ESEM-EDS (microscopia a scansione elettronica abbinata ad analisi chimica in microsonda) su campione allestito in sezione lucida trasversale (UNI 11176, 2006) e confrontate da un punto di vista sia chimico che morfologico, valutando l’indice di idraulicità del legante, il rapporto legante-inerte, la composizione, la dimensione e la forma degli inerti. Analogie e differenze risultano immediatamente chiare. Anche l’analisi degli strati pittorici ha confermato la contemporaneità delle due pareti. Campioni diversi che presentano una decorazione pittorica con lo stesso spessore, l’utilizzo dello stesso legante e dello stesso pigmento su una base preparatoria analoga, sono sufficienti a stabilire con buona probabilità l’unicità dell’intervento sia costruttivo che decorativo.

Immagini ESEM a confornto di due sezioni lucide trasversali allestite partendo da 2 campioni di malta da allettamento. Risultano da subito chiare le differenze nel rapporto inerte-legante, nella composizione, nelle morfologia e granulometria degli inerti.